PESCHE DOLCI

Ciao a tutti! Questi graziosi dolcetti si chiamano PESCHE DOLCI o PESCHINE perché richiamano, per forma e colore, l’omonimo frutto estivo.
Per quanto riguarda l’origine di questo dolce non c’è certezza, ma sembra che sia nato in Toscana e precisamente a Prato ai tempi dell’Unità d’Italia (1861) tanto che, in questa regione, sono note come PESCHE DI PRATO.
Da qui sembra si siano diffuse in tutta l’Italia centrale a partire dall’Emilia Romagna, le Marche ma anche Abruzzo e Molise.
Inizialmente erano realizzate con la pasta del pane imbevuta nell’alchermes, un liquore dal tipico colore rosso la cui ricetta nasce in Toscana.
Erano più dure e per questo imbevute nel liquore stesso che le rendeva più morbide.
Le PESCHE DOLCI erano un dolce molto di moda negli anni ’50, ma ora stanno ritornando anche con nuove rivisitazioni.
Oggi le PESCHE sono caratterizzate da una sorta di pasta frolla friabile con una farcitura di crema pasticciera, crema al cioccolato, una ganache o solo cioccolato, imbevute nell’alchermes e passate nello zucchero semolato.
Vi propongo due versioni: crema pasticciera al cioccolato e ganache al cioccolato.

Pesche dolci
  • CucinaItaliana

Ingredienti per le Pesche dolci:

Per l’impasto:

  • 300 gFarina 00
  • 40 gFecola di patate
  • 120 gBurro
  • 80 gUova (circa 2 uova piccole)
  • 120 gZucchero semolato
  • q.b.semi di baccello di vaniglia ((facoltativo))
  • q.b.Scorza di mezzo limone non trattato
  • 10 gLievito chimico in polvere
  • 1 pizzicoSale
  • 15 gStrutto

Per la crema pasticciera al cioccolato:

  • 2Tuorli
  • 40 gZucchero
  • 20 gAmido di mais (maizena)
  • 185 mlLatte
  • 50 gCioccolato fondente

Per la ganache al cioccolato:

  • 60 gPanna fresca liquida
  • 100 gCioccolato fondente

Per decorare:

  • q.b.Alchermes
  • q.b.Zucchero semolato
  • q.b.foglioline di menta

Preparazione delle Pesche dolci:

Per circa 16 Pesche dolci, 32 semisfere da accoppiare.

Per l’impasto delle Pesche dolci:

  1. impasto pesche dolci

    In una terrina o in planetaria versare la farina, la fecola, il lievito il burro freddo da frigo e lo strutto.

  2. Aggiungere anche gli aromi: vaniglia e scorza di mezzo limone non trattato e un pizzico di sale.

  3. “Sbriciolare” l’impasto con le dita oppure in planetaria con la foglia o la frusta k.

  4. zucchero

    Aggiungere lo zucchero e continuare a sbriciolare: si deve ottenere un impasto sabbioso, questo metodo è chiamato infatti sabbiatura.

  5. Aggiungere le uova ed amalgamare.

  6. Formare un panetto e riporlo in frigo a riposare per un’ ora circa.

  7. palline pesche dolci

    Modellare delle palline da 20 g circa ciascuna (la dimensione è quella di una noce) e disporle sulla leccarda con carta forno un po’ distanziate tra loro.

  8. pesche dolci

    Cuocere in forno statico e preriscaldato a 180°C per circa 20 minuti.

  9. pesche dolci

    Per una farcitura più ricca, scavare un po’ i gusci delle Pesche dolci quando sono ancora caldi altrimenti lasciarli così come sono.

  10. Inzuppare le semisfere delle Pesche nell’alchermes in modo uniforme.

  11. PESCHE DOLCI

    Passarle nello zucchero semolato.

  12. farcire le Pesche

    Farcirle con la crema scelta.

  13. pesche dolci

    Accoppiarle.

  14. pesche dolci

    Completare con una fogliolina di menta.

  15. Pesche dolci

Per la farcitura con la crema pasticciera al cioccolato:

  1. tuorli e zucchero per la crema pasticciera

    In un pentolino mescolare tuorli e zucchero.

  2. amido di mais per la crema pasticciera

    Aggiungere l’amido setacciato e mescolare.

  3. latte caldo versato sul composto di tuorli

    Portare il latte a bollore e versarlo sul composto mescolando.

  4. crema pasticciera al cioccolato

    Aggiungere il cioccolato alla crema ancora calda , mescolando fino al completo scioglimento.

    Si otterrà così una crema pasticciera al cioccolato.

Per la farcitura con la ganache al cioccolato:

  1. panna

    Portare la panna a bollore.

  2. Aggiungere il cioccolato e mescolare fino a completo scioglimento.

  3. ganache

    Far raffreddare per farla rapprendere.


Spero che questa ricetta vi piaccia, non vedo l’ora di vedere le vostre foto!

Se volete le inserirò nelle storie di Instagram taggandovi.

Alla prossima!

Un’ altra ricetta tipica della mia terra: ZUPPA INGLESE https://www.quasidolce.it/zuppa-inglese-a-modo-mio/

Canale YouTube: https://www.youtube.com/user/anitaletizi

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da anitaletizi

Mi chiamo Anita Letizi, classe 2001, marchigiana, diplomata in pasticceria. Amo il vintage, soprattutto gli anni '50. Sul blog scrivo ricette e pensieri (Blog di Anita Letizi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.